rughe viso

Le rughe del viso: come riconoscerle e come trattarle

Le rughe sono uno dei principali segni dell’invecchiamento della pelle, e sul viso compaiono generalmente sempre nelle stesse zone. Come riconoscerle, e come trattarle?

Le rughe del viso rappresentano indubbiamente uno dei principali segni dell’invecchiamento cutaneo. Iniziano a comparire intorno ai 30 anni, a volte anche un po’ prima.
Le prime rughe che compaiono sono le cosiddette “rughe d’espressione”, ossia quelle legate alla contrazione dei muscoli mimici del volto e non sono delle vere rughe di vecchiaia. Sono le rughe che si formano quando corrughiamo la fronte o sorridiamo, quando strizziamo gli occhi o arricciamo il naso. Sono rughe che si formano nell’istante in cui manteniamo una particolare espressione, per poi scomparire una volta che il volto torna disteso. Con il passare del tempo però, complici una serie di cambiamenti nella struttura della pelle, compaiono sulla pelle i segni di queste pieghe e in alcune zone, complice il rilassamento della cute, si accentuano più del dovuto.

Esistono poi altri tipi di rughe, diverse per caratteristiche ed età nella quale compaiono più di frequente. Possiamo parlare di rughe attiniche, che sono micro rugosità che possono comparire anche in giovane età, dovute principalmente al sole; oppure rughe gravitazionali, che compaiono invece più in tarda età e sono caratterizzate anche dal cedimento dei tessuti.

Imparare a riconoscere le rughe ci aiuta a capire meglio come prevenirle ed a valutare i trattamenti migliori per attenuarle o eliminarle.

Le rughe del viso: dove possiamo riconoscerle

Le rughe del viso compaiono in zone caratteristiche, quindi ricorrenti tra individuo e individuo.
Possiamo riconoscere:

  • Rughe frontali, presenti sulla fronte con un andamento trasversale;
  • Rughe glabellari, presenti tra naso e sopracciglia, possono avere un andamento orizzontale o verticale;
  • Rughe perioculari, comunemente conosciute come “zampe di gallina”, sono le rughe intorno agli occhi;
  • Solchi nasogenieni, che partono in genere dalla narice per arrivare alla rima labiale corrispondente, con un andamento obliquo;
  • Rughe perilabiali, che si formano intorno agli angoli delle labbra;
  • Rughe labiogeniene, più caratteristiche del labbro inferiore;
  • Rughe trasversali del collo, responsabili anche del cedimento del tessuto.

Ma perché si formano le rughe?

Come accennato prima, le cosiddette “rughe d’espressione” sono legate ai movimenti della muscolatura mimica facciale. Considerando anche le zone del viso nelle quali si formano le rughe, è facilmente intuibile come i movimenti legati all’espressività del volo siano più o meno coinvolti.

La causa principale rimane comunque il cambiamento delle caratteristiche fisiologiche della pelle. Con il passare del tempo infatti, la pelle va incontro ad una perdita di elasticità, dovuta ad una diminuzione della produzione di collagene, elastina ed acido ialuronico, tutte sostanze sintetizzate nel nostro organismo e che si ritrovano nella struttura della pelle.

Il collagene è una proteina che dà sostegno, come se fosse lo “scheletro” dell’epidermide; l’elastina si lega al collagene per dare elasticità, mentre l’acido ialuronico è più responsabile del “riempimento”. Essa è infatti capace di legare a sé tantissime molecole di acqua, quindi dona alla pelle tonicità ed idratazione profonda.
Non solo con il passare degli anni anche il grasso sotto la pelle diminuisce, così come diminuiscono le sporgenze ossee e si modifica la posizione di denti e gengive. Quindi diminuisce anche il sostegno della pelle.

Semplificando il più possibile, le rughe si formano proprio perché la pelle perde sostegno ed elasticità, e le rughe da piccole pieghe della pelle facilmente reversibili, si trasformano in solchi più profondi e permanenti.

I diversi tipi di rughe

A seconda delle caratteristiche, le rughe si possono classificare in 3 grandi gruppi:

  • Rughe d’espressione
  • Rughe gravitazionali
  • Rughe attiniche.

Le rughe d’espressione compaiono proprio nei punti di inserzione dei muscoli facciali, sono dette anche rughe mimiche e danno al volto la naturale espressività. Sono presenti anche nelle pelli giovani, ma tendono ad accentuarsi con l’età.

Le rughe gravitazionali sono quelle che si formano per effetto della forza di gravità su una pelle che ha perso elasticità. Sono quelle che si formano in età più adulta, e sono dovute al cedimento dei tessuti. Compaiono generalmente a livello di bocca, mento, mandibola e collo, o del cedimento verso il basso del sopracciglio.

Le rughe attiniche sono invece dei solchi sottilissimi, a cui comparsa è legata al foto-invecchiamento, e per questo compaiono solitamente nelle regioni più esposte al sole come le guance e gli zigomi. La pelle assume un aspetto “sgualcito”, e appare visibilmente più invecchiata.

Rughe del viso: come trattarle

Partendo dal presupposto che il tempo non si può fermare, e che quindi la comparsa delle rughe è inevitabile, è giusto ricordare che un corretto skin care quotidiano aiuta a mantenere la pelle più elastica e più idratata, e quindi aiuta a ritardare la comparsa delle rughe.

La pelle deve essere giornalmente detersa con un prodotto non aggressivo e adatto alla propria età, così come le creme da applicare devono essere specifiche per la propria tipologia di pelle e dallo stato della stessa. È importante applicare una crema giorno con un fattore protettivo anche d’inverno!

Attualmente sono inoltre a disposizione medical device e trattamenti medici e chirurgici minimamente invasivi, che mirano a migliorare l’aspetto del volto in modo naturale, valorizzando la bellezza autentica.

Le rughe ed il trattamento Ultherapy®

Ultherapy® è uno di questi trattamenti ed è classificabile come un lifting senza bisturi. La metodica utilizza gli ultrasuoni microfocalizzati per stimolare la produzione di fibre elastiche negli strati più profondi della pelle rendendola più tonica, compatta e levigata.

Ultherapy® è un trattamento efficace e sicuro: è l’unico protocollo che utilizza una guida ecografica per focalizzare gli ultrasuoni specificatamente sulle zone da trattare. Approvato dall’FDA, la metodica è documentata da studi clinici e pubblicazioni scientifiche riconosciute a livello internazionale.
Viene utilizzato con successo per il lifting non chirurgico di viso, collo e décolleté.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *